Home » Chi siamo »

 
 

La Storia

 

Il Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana è stato fondato a Roma nel 1925 con “motu proprio” del Papa Pio XI, per affiancare un centro di formazione e di ricerche alla Pontificia Accademia Romana di Archeologia e alla Pontificia Commissione di Archeologia Sacra.

L’istituto accoglie studenti che abbiano ultimato gli studi universitari (titoli equivalenti a laurea, maîtrise, Master of Arts) e ogni anno mette a concorso almeno una borsa di studio.

Il corso di specializzazione dura un triennio, durante il quale si conseguono successivamente il baccalaureato, la licenza e il dottorato.

L’Istituto organizza ogni anno un corso di iniziazione alle antichità cristiane che viene frequentato specialmente da studenti delle Università pontificie e statali romane.

L’attività scientifica e didattica dei docenti dell’Istituto investe tutti i campi legati allo studio delle fonti letterarie e archeologiche che riguardano la nascita e lo sviluppo del cristianesimo e il suo inserimento nella società e nelle culture della tarda antichità e dell’alto medioevo, comprese le indagini di scavo.

L’Istituto cura la pubblicazione della “Rivista di Archeologia Cristiana” (in collaborazione con la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra per quanto concerne le attività di questa nelle catacombe) e di varie collane di monografie concernenti i tradizionali campi d’indagine dell’Archeologia Cristiana.

L’Istituto è sede del Comitato Promotore Permanente dei Congressi Internazionali di Archeologia Cristiana, del quale i docenti sono membri di diritto e a cui sono aggregati i Direttori delle Scuole e Accademie straniere a Roma e studiosi di fama internazionale nonchè rappresentati dei Comitati nazionali organizzatori dei più recenti congressi.

Dal 1997 è organizzato a scadenze regolari un Corso speciale sull’”Instrumentum domesticum” della tarda antichità e dell’alto medioevo tenuto dai maggiori specialisti nel campo.